Mercoledì, 11 febbraio 2009 - ore 11:21

Supporti informativi - Politica

Da Grillipedia.

Democrazia diretta, più potere ai cittadini - Un approccio nuovo alla riforma dei diritti referendari

Thomas Benedikter
Editore: Sonda - Collana: Saggi - Argomento: Sociale - edizioni sonda

utilissimo per chi si appresta a far valere i principi di democrazia diretta



Democrazia rappresentativa e democrazia partecipativa

Atti di Convegno
Esposito, Crisafulli, Paladin - Tre costituzionalisti nella cattedra padovana
Associazione dei Costituzionalisti



Estratti di pubblicazioni sui forum di cittadini, meetup, Amici di Beppe Grillo

Peppe Carpentieri, appunti di democrazia partecipativa e diretta
files meetup



La democrazia che non c'è

Paul Ginsborg - in Vele, Einaudi
commenti di Gustavo ZAGREBELSKY



Il territorio degli abitanti, società locali e autosostenibilità

a cura di Alberto Magnaghi, Dunod, Zanichelli



Imparare la Democrazia

Gustavo Zagrebelsky
no central authority



Il libretto dell'Autogoverno

di Paolo Bonacchi
versione html



I cittadini possono imporre le loro decisioni agli amministratori pubblici

autogoverno.org



Del Principio Federativo

Pierre-Joseph Proudhon - I libri dell'unione
autogoverno.org



Unione per l'Autogoverno - Statuto

autogoverno.org



A Theory of Direct Democracy

di George S. Sagi
A Study of Constraints Upon Existence, Social Morality, Group Analysis of Society and the Political Era, Socio-Cybernetics Self-Governances
PDDA - book
in inglese



Una riforma che non costa nulla

Scritto da Ennzo Trentin su www.legnostorto.com

Chi mai se non il popolo sovrano?
1) i referendum comunali o provinciali = L'introduzione dei referendum «di iniziativa» e «di revisione»; resi possibili dalla Legge 142/1990 e via via confermati sino al Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali". Per «iniziativa», s'intendono azioni tese ad imporre a Presidente, Giunta e Consiglio provinciale, ed omologhi comunali, deliberazioni su argomenti che interessano l'intera comunità.
Per «revisione», s'intendono quelle deliberazioni che, già assunte dall'Amministrazione provinciale o comunale, si vogliono, eventualmente, prese con differenti norme. In ambedue i casi: «d'iniziativa» e «di revisione» i referendum siano validi con qualsiasi numero di partecipanti al voto. Pretendere (come attualmente fanno molti Statuti di Province e Comuni) un'affluenza del 50% + 1 dei votanti, affinché la consultazione possa considerarsi valida, costituisce un ingiustificato potere giuridico negativo ai non partecipanti al referendum stesso, il che, come dovrebbe essere noto ad ognuno, è contrario allo spirito della democrazia, ed è una palese limitazione del libero esercizio di un diritto democratico costituzionalmente sancito. Un concetto, del resto, ribadito nella modifica all'art. 123 della Costituzione: "Lo statuto (regionale) sottoposto a referendum non è promulgato se non è approvato dalla maggioranza dei voti validi". Voti validi, dunque, non del 50%+1 degli aventi diritto!

NOTA BENE: questo serve per controllare la partitocrazia. Infatti, laddove per avventura avessimo dei pubblici amministratori (ancorché titolati moralmente, accademicamente e professionalmente) attraverso l'esercizio della sovranità popolare si potrebbe sempre ?limitarne gli eventuali danni. DI PIU': la presenza di tali strumenti, quasi certamente scoraggerebbe i P.A. dall'adottare deliberazioni che potrebbero essere cassate dalla sovranità popolare (un po' come il poliziotto messo sulla strada: non occorre che multi tutti i viandanti. Basta la sua sola presenza perché ognuno assuma comportamenti più prudenti!). Si confrontino le esperienze svizzere, o californiane o altre che per brevità ometto.

2) Elezione diretta del difensore civico in contemporanea con l'elezione di Consiglieri, Sindaci e Presidenti di Provincia. Una riforma che non costa nulla, come ho cercato di illustrare nell'articolo che ho segnalato d'andare a leggere



Democrazia Diretta: un modello alternativo di democrazia - di Luca Gandolfi

lucagandolfi - documenti visionabili



Raccolta Ufficiale degli Statuti Comunali e Provinciali e il Testo unico per l'ordinamento degli enti locali

dal sito del Ministero degli Interni Per avere una visione di insieme e specifica di quali statuti comunali siano adeguati alle norme che consentono la "partecipazione dei cittadini alla vita amministrativa degli enti locali" così come disposto ... nel Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" l'Articolo 8, intitolato appunto "Partecipazione popolare" che ai paragrafi 3 e 4 recita:

3. Nello statuto devono essere previste forme di consultazione della popolazione nonche' procedure per l'ammissione di istanze, petizioni e proposte di cittadini singoli o associati dirette a promuovere interventi per la migliore tutela di interessi collettivi e devono essere, altresi', determinate le garanzie per il loro tempestivo esame. Possono essere, altresi', previsti referendum anche su richiesta di un adeguato numero di cittadini.

4. Le consultazioni e i referendum di cui al presente articolo devono riguardare materie di esclusiva competenza locale e non possono avere luogo in coincidenza con operazioni elettorali provinciali, comunali e circoscrizionali.



Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Documenti e approfondimenti

Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Documenti e approfondimenti



People & Participation

People & Participation è la prima pubblicazione di Involve, un’organizzazione britannico indipendente che si occupa di come dare un ruolo più centrale alla gente nella presa delle decisioni che contano.

L’originalità della pubblicazione consiste nella particolare attenzione ai dettagli pratici, basata sull’esperienze di centinaia di esperti che hanno usato nuovi metodi per coinvolgere le persone nei temi più disparati, dalla pianificazione locale alle nanotecnologie. Il volume illustra come una più forte partecipazione della gente possa aiutare a circoscrivere i temi di discussione più urgenti, e al contempo contrastare i rischi di alienazione politica e sfiducia.



Mantenere i cittadini in contatto con i processi decisionali locali

Mantenere i cittadini in contatto con i processi decisionali locali
Può un sistema avanzato di webcasting contrastare il calo della partecipazione al voto dei sempre più disincantati elettori europei?

Martine Ruzza, membro del project team eParticipate pensa di sì; e ritiene che i tradizionali portali in cui la comunicazione è a senso unico siano ormai superati: la gente vuole poter fornire il proprio feedback.

EParticipate si basa su un piattaforma video aperta e interattiva che, sebbene fondata sul classico webcasting, offre molti più servizi, tra cui la “contestualizzazione”: ad esempio, vengono forniti i dati – compreso quelli per il contatto - di ogni politico presente in video.

Consultare anche eParticipation


Evoluzione storica del concetto di interesse pubblico

Evoluzione storica del concetto di interesse pubblico

SOMMARIO:

1) L’evoluzione della pubblica amministrazione e le sue implicazioni sulla nozione di interesse pubblico:
a) Lo Stato monoclasse.
b) Lo Stato pluriclasse.


2) Il superamento dei principi di gerarchia e autarchia e l’affermazione dei principi di coordinamento e autonomia.
a) Pluralismo sociale e Pluralismo amministrativo.
b)Dall’interesse pubblico agli interessi pubblici.



Che cos’è l’interesse pubblico?

Che cos’è l’interesse pubblico? Definizioni e breve disamina del concetto di interesse pubblico



Cenni introduttivi e definizioni di Interesse pubblico, interesse collettivo, interessi diffusi, interesse legittimo, diritto soggettivo, giurisdizione o riparto di giurisdizione

leggi l'articolo



ComunePartecipato.it®

Probabilmente il miglior esempio (sito web) di controllo e informazione diffusa della gestione di un'amministrazione comunale ... quella di Pianoro in Provincia di Bologna da parte del Centro Formazione e Ricerca Don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana.



Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna

Ogni Regione deve consentire ai cittadini l'accesso ai BUR (bollettini ufficiali regionali) nei quali sono pubblicate tutte le decisioni che interessano le comunità locali ... dagli stanziamenti di fondi a contribuzioni sociali ... alle opere pubbliche e così via ... per ora la pagina web del Bollettino Ufficiale della regione Emilia-Romagna



Per seguire (giorno per giorno) le assemblee della Camera dei Deputati del Nostro Parlamento italiano

Resoconti dell'Assemblea



Democrazia e Partigianeria

Democrazia e Partigianeria - PDF



Sondaggi Deliberativi e Democrazia

Sondaggi deliberativi e Democrazia - PDF



 Benvenuto su Grillipedia
 Coordinamento Nazionale